Migranti: mons. Galantino, l’Europa rimetta al centro i valori

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Mi piacerebbe che assieme ai tanti problemi, si rimettessero al centro i valori che hanno fatto l’Europa e che in questo momento possono tenerla in piedi”. È l’auspicio di mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei e neo-presidente dell’Apsa, che alla vigilia dell’incontro del Consiglio Europeo durante il quale si discuterà della riforma del Trattato di Dublino, si è augurato “che l’Europa non si disgreghi sui valori, e tra questi c’è l’accoglienza”.
A margine della cerimonia di accoglienza dei 139 profughi arrivati a Fiumicino dall’Etiopia (tra i quali 62 bambini e 31 famiglie) con i corridoi umanitari e che saranno accolti in 22 diocesi italiane, mons. Galantino si è soffermato sullo stile dell’accoglienza. “Vogliamo un’Italia che sappia distinguere tra coloro che approfittano di queste situazioni: chi approfitta – ha detto – deve essere perseguito a garanzia della stragrande maggioranza di cooperative, di associazioni, di movimenti che lavorano con grande cuore, competenza e professionalità”. Il segretario generale della Cei ha dunque rivolto il suo “plauso a coloro che hanno scoperto gli abusi e li reprimono con forza, proprio perché così si può dare credibilità alla stragrande maggioranza della società civile che lavora molto bene”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa