Diocesi: Ragusa, al museo della cattedrale la mostra “I fiori della fede”. Sarà visitabile fino al 15 luglio

Sarà visitabile fino al 15 luglio, grazie alla mostra “I fiori della fede. Simbologia floreale nei parati sacri dell’epoca barocca”, una parte importante del tesoro custodito nella città di Ragusa e purtroppo quasi sconosciuto ai più. L’esposizione, ospitata nel museo della cattedrale, verrà inaugurata nella serata di oggi, venerdì 22 giugno, alle 19. “Si tratta – anticipa don Giuseppe Antoci, direttore dell’Ufficio diocesano per i Beni culturali – di paramenti sacri di grande pregio, ricamati in oro, argento e sete policrome e realizzati proprio a Ragusa intorno alla metà del secolo XVIII”. “Sono stati selezionati – aggiunge don Antoci – in base ai soggetti dei ricami, focalizzando l’attenzione sulle rappresentazioni floreali e vegetali, delle quali si intende dare precise letture simboliche, per testimoniare come esse non abbiano una semplice funzione decorativa, ma nascondano profondi e complessi significati teologici e spirituali”. “Le antiche vesti liturgiche – spiega il sacerdote – parlavano infatti anche con il linguaggio dei fiori, attraverso allegorie e allusioni che noi oggi non riusciamo a cogliere in maniera immediata e che si intende riportare alla luce”.
Alcuni dei paramenti esposti sono stati sottoposti a delicati interventi di restauro che li hanno riportati all’antico splendore. Proprio in questi giorni, grazie al contributo del Rotary club di Ragusa, si è, tra l’altro, concluso il restauro, ad opera di Tiziana Iozzia, di un sontuoso piviale proveniente dalla chiesa di Santa Maria delle Scale, realizzato nel 1760, che verrà esposto in prima assoluta nella mostra e che completa il restauro degli altri elementi del parato, effettuati negli anni passati a cura dell’Ufficio per i beni culturali della diocesi di Ragusa.
A curare l’allestimento della mostra sono stati don Giuseppe Antoci, Alessandra Rovetto e Stefano Vaccaro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia