Giornata rifugiato: gli appuntamenti nella diocesi di Andria

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato l’ufficio Migrantes della diocesi di Andria, insieme alla comunità “Migrantesliberi” che gestisce il servizio Sprar cittadino, ha organizzato per oggi momenti di condivisione per rafforzare l’incontro tra la comunità locale, i rifugiati e i richiedenti asilo e per proseguire la campagna #WithRefugees lanciata da Unhcr. Le celebrazioni hanno avuto inizio alle 17 nella “Casa S. Croce – Rosario Livatino”, bene confiscato alla criminalità e sede dello Sprar con una tavola rotonda insieme, tra gli altri, a don Geremia Acri, responsabile di “Migrantesliberi”. La giornata proseguirà nella parrocchia San Riccardo in Andria con la messa in ricordo dei tanti morti in mare ma anche di quanti sono colpiti dall’odio, dall’indifferenza e dai pregiudizi. A seguire, nell’auditorium della stessa parrocchia di San Riccardo, verrà messo in scena lo spettacolo “L’Uomo Nero” scritto da Sabino Liso. A chiudere la celebrazione della giornata la comunità è invitata a un grande momento di convivialità, negli spazi aperti dell’Oratorio San Riccardo, con piatti della tradizione e musiche dal mondo. “Molti in questo tempo riconoscono nel migrante, giunto sui barconi, un potenziale terrorista o delinquente – si legge in una nota della diocesi -. La Giornata del rifugiato è l’occasione propizia per ricordare a noi cittadini, l’impegno della civiltà. La civitas latina nei secoli si contraddistingueva dalla rusticitas. Per questo la civiltà deve perseguire il suo obiettivo per la costruzione di una comunità umana e democratica, che difende le persone deboli e vulnerabili”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori