Diocesi: Molfetta, opere d’arte esposte in 19 chiese visitabili attraverso “percorsi digitali”

Visitare un luogo sacro ascoltando la presentazione delle opere d’arte presenti attraverso il Qr-code inquadrato con il proprio smartphone. Sarà possibile dal 30 giugno in 19 chiese e istituti culturali della diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, grazie al progetto “Tesori d’Arte Sacra. Percorsi digitali”, promosso dalle cooperative FeArT e LiberBook, nell’ambito del più ampio progetto dal titolo “Chiese Aperte”. Finanziato con 300 mila euro dalla Regione Puglia, il progetto è il frutto dell’accordo tra l’assessorato regionale all’Industria turistica e culturale e la Conferenza episcopale pugliese. Coinvolge le 19 diocesi della regione, da San Severo a Ugento, e prevede l’apertura straordinaria dei luoghi di culto e di cultura, la promozione di eventi culturali rivolti sia ai cittadini sia ai turisti, l’accompagnamento al racconto dei luoghi attraverso strumenti e materiali divulgativi innovativi, il miglioramento della qualità dell’offerta del servizio di guida turistica. Prevista la creazione di un sito web, al quale rimandano, tramite pannelli informativi installati nei 19 luoghi prescelti, i Qr-code riprodotti, che consentono a visitatori e turisti di costruire percorsi personalizzati di conoscenza dei luoghi stessi. L’iniziativa sarà presentata in una conferenza stampa, venerdì 22 giugno, alle 19, nel museo diocesano di Molfetta. Interverrà il vescovo, mons. Domenico Cornacchia, con don Michele Amorosini, direttore del museo diocesano di Molfetta, e don Gaetano Coviello, delegato regionale Cei per i Beni culturali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori