InBlu Radio: Eugenio Finardi, “esperienza di grande libertà”

“Un’esperienza molto bella che mi riporta indietro nel tempo, ai miei esordi in radio, in Rai e con la prima radio libera, Radio Milano Centrale”. Così Eugenio Finardi, cantante e conduttore di “La musica è ribelle”, racconta al Sir la sua collaborazione con inBlu Radio. “È un’esperienza positiva che mi porta a quell’epoca di grande liberta, perché non ho avuto alcun tipo di condizionamento né sui contenuti né sui testi”. Il cantante, che in questi giorni partecipa alla manifestazione ‘Radio City’, a Milano, ammette di aver avuto “varie offerte in questi anni per condurre trasmissioni che, però, erano codificate, limitate”. “Fare invece radio totalmente liberi, cioè senza mediazioni, è una forma d’arte. Perché permette di condividere un’esperienza con gli ascoltatori”. Parlando della sua spiritualità, Finardi dice di “non essere un credente”, ma “credo profondamente nella spiritualità umana”. “Credo che in noi esiste il desiderio di un essere supremo, il bisogno di trascendenza, carità e condivisione. Sono tutte cose che noi abbiamo dentro e che possiamo scoprire molto bene attraverso il linguaggio della musica, che avvicina al linguaggio dell’assoluto. La musica è l’espressione del sentimento del divino”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori