Festa della Repubblica: Fico (presidente Camera), “ridurre il senso di distanza dei cittadini verso chi fa politica” con “le nuove tecnologie digitali”

(Foto: Quirinale)

“Le nuove tecnologie digitali offrono straordinarie possibilità” per “rafforzare il rapporto tra elettori ed eletti, l’unione e la coesione nella nostra comunità nazionale”. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, che ha aperto questo pomeriggio alla Camera la cerimonia conclusiva dell’edizione 2018 dell’iniziativa “Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione”. “Dai vostri lavori emerge un grande entusiasmo combinato con una sensibilità e uno spirito critico che non sono comuni – ha aggiunto -. Emerge la consapevolezza che dignità, libertà, uguaglianza, legalità e solidarietà sono conquiste non scontate che vanno salvaguardate ogni giorno”. Anche nei lavori degli studenti Fico ha visto “la capacità di esprimere idee e proposte con linguaggi originali, utilizzando le opportunità offerte dai nuovi strumenti tecnologici”. “Tutto ciò costituisce una risorsa preziosa per la nostra democrazia. Tanto più in una fase in cui in una parte dell’opinione pubblica sembrano spesso prevalere sentimenti negativi di sfiducia, se non di rassegnazione verso la capacità delle istituzioni di soddisfare le proprie aspettative”. Consapevole che “è attraverso la partecipazione attiva di ciascuno alla vita civile e democratica che si può rendere migliore il nostro Paese”, il presidente della Camera ha sottolineato che “l’apertura della nostra istituzione ai cittadini debba costituire una priorità di questa legislatura”. Un’apertura che deve essere “operata in senso fisico”, ma anche “attraverso la valorizzazione di tutti gli strumenti di partecipazione dei cittadini al processo legislativo e di definizione delle politiche pubbliche”. Così si può anche “assicurare la qualità delle decisioni pubbliche come pure la loro trasparenza e condivisione” e “ridurre il senso di distanza dei cittadini verso chi fa politica”. È prioritario, secondo Fico, “avviare in questa legislatura, sull’esempio di altri parlamenti europei, una riflessione sulle modalità per promuovere il ricorso agli strumenti di democrazia partecipativa”. Il riferimento esplicito è a “tempi certi per l’esame delle proposte di iniziativa popolare da parte delle commissioni, allo svolgimento di consultazioni pubbliche su specifici temi o progetti di legge, all’inserimento nell’ordine del giorno delle commissioni di temi proposti dai cittadini”. “È così – ha concluso – che potremo continuare a dare una piena ed effettiva attuazione alla nostra Costituzione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori