Giovani: Salesiani, un progetto di agricoltura sociale per contrastare il fenomeno dei “Neet”

Neet è l’acronimo inglese di “not (engaged) in education, employment or training”, e in italiano indica quei giovani non impegnati nello studio, né nel lavoro né nella formazione. Salesiani per il Sociale – Federazione Scs/Cnos, con la società cooperativa sociale Kairos e la Rete fattorie sociali ha avviato un progetto di contrasto al disagio e alla condizione di esclusione sociale dei Neet attraverso percorsi differenziati di agricoltura sociale favorendone l’orientamento e l’inclusione sociale. Il progetto, avviato a maggio e finanziato dal Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale, terminerà ad aprile 2020 e ha come destinatari i giovani dai 14 ai 25 anni. “Il progetto – si legge in un comunicato – nasce dalla necessità di ridurre la diffusione di comportamenti a rischio tra i Neet, di interrompere i circuiti viziosi di ‘ritiro sociale’: c’è la necessità di promuovere attività che consentano lo sviluppo di competenze; di creare contesti dove sperimentare il senso di appartenenza, di stimolare socialità, consapevolezza e partecipazione dei minori e giovani”. Per questo, “contrastare l’esclusione dei Neet con opportunità capacitanti proprie dell’agricoltura sociale consente lo sviluppo di competenze, di creare contesti dove sperimentare il senso di appartenenza, di stimolare socialità, consapevolezza e partecipazione dei minori e giovani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo