Vita religiosa: si concludono domani a Roma i solenni festeggiamenti in onore della beata Elena Aiello

Si concluderanno domani, martedì 19 giugno, a Roma, i solenni festeggiamenti in onore della beata Elena Aiello, fondatrice delle Suore minime della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo. Domani, giorno in cui si ricorda il 57.mo anniversario della sua morte, alle ore 8.30 verrà trasmessa in diretta su Tv2000 la s. messa celebrata nella basilica di S. Andrea delle Fratte presieduta da p. Francesco M. Trebisonda. La sera, alle 19, nella parrocchia S. Maria della Perseveranza, mons. Paolo Salvadagi, vescovo ausiliare di Roma, presiederà la s. messa, al termine della quale ci sarà la processione verso la stanza dove Elena Aiello è morta e dove i fedeli reciteranno la preghiera per la canonizzazione della beata e ne venereranno la reliquia.
Nata a Montalto Uffogo nel 1895, rimasta orfana di madre, si diede fin da piccola da fare per aiutare la famiglia. Qualche anno più tardi decise di abbracciare la vita religiosa. Entrata come novizia nelle Suore del Preziosissimo Sangue, si ammalò gravemente, tanto che la congregazione non la ritenne più idonea e la rimandò a casa, pensandola prossima alla morte. Ma così non fu. In un’apparizione, il Signore disse a Elena che sarebbe guarita, ma che il Venerdì Santo di ogni anno avrebbe portato sul suo corpo i segni della Passione. E così avvenne: per il resto della vita, nel giorno della morte di Gesù avrebbe sudato sangue e sperimentato le stigmate, segni che poi puntualmente sparivano ogni Sabato Santo. Questa esperienza la spinse a dare vita a Cosenza ad una nuova congregazione religiosa, l’Istituto delle Suore Minime della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo. Nelle regole indicò la Passione di Gesù come riferimento spirituale e la carità testimoniata nella sua terra da san Francesco da Paola come orizzonte quotidiano. Aprì alcuni istituti per gli orfani, ma anche un istituto magistrale per garantire un futuro alle ragazze uscite dall’orfanotrofio. Morì nel 1961 a Roma dove si era recata per aprire una nuova casa. Suor Elena è conosciuta come: “La Monaca Santa, icona della misericordia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo