Nave Aquarius: Unicef, “123 bambini sbarcati in condizioni di sicurezza”

“Noi dell’Unicef siamo sollevati dal fatto che tutti i 123 bambini, tra cui 60 non accompagnati, siano sbarcati in sicurezza sulle coste spagnole e siano stati accolti con cura dopo 8 giorni di mare in condizioni di disagio”. Lo ha dichiarato Afshan Khan, direttore regionale Unicef per l’Europa e l’Asia Centrale a proposito dell’arrivo dei bambini migranti nel porto di Valencia, in Spagna, a bordo della nave della Guardia Costiera Italiana, “Dattilo”, trasbordati da Aquarius. “La Spagna – aggiunge – non solo ha fatto la cosa giusta accogliendo questi bambini e queste donne in gravidanza estremamente vulnerabili, ma ha anche dato l’esempio ad altri Paesi, su entrambe le sponde del Mediterraneo, di condividere la responsabilità delle migrazioni e di agire in conformità con i principi umanitari e il diritto internazionale”. Unicef annuncia che, durante la permanenza dei minori a bordo della nave “Dattilo”, i bambini sono stati identificati fornendo informazioni e ricevendo sostegno psicosociale e assistenza sanitaria e igienica. “Siamo grati e fiduciosi che la Spagna ora offrirà a questi bambini non solo sicurezza, cura e assistenza sanitaria sulla terraferma, ma una possibilità di avere il loro superiore interesse determinato in modo tempestivo e assicurandone la protezione”. A bordo della “Dattilo” erano 60 i bambini non accompagnati e separati, 52 ragazzi e 8 ragazze: la maggior parte (28) arrivava dall’Eritrea.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo