Terra Santa: mons. Pizzaballa annuncia nuove nomine dei sacerdoti nel Patriarcato latino

Nuove nomine di sacerdoti in seno al Patriarcato Latino di Gerusalemme. In una nota indirizzata ai vescovi e al clero patriarcale, l’Amministratore apostolico, mons. Pierbattista Pizzaballa, ha reso noto i cambiamenti degli incarichi, i più importanti dei quali riguardano le scuole, insieme ad alcune modifiche nelle parrocchie e al seminario. Nel testo, diffuso dal Patriarcato, mons. Pizzaballa ricorda che “il primo cambiamento è l’unificazione del sistema finanziario delle scuole e la sua integrazione nel sistema dell’Amministrazione generale del Patriarcato latino di Gerusalemme. Questo accorpamento, annunciato pochi mesi fa e divenuto realtà, consentirà all’amministrazione generale di avere il pieno controllo di tutti i nostri conti”. Altro cambiamento riguarda la struttura del consiglio scolastico, che, scrive l’amministratore, “nel prossimo futuro sarà composto da un presidente (un prete) e da un direttore esecutivo. Il sacerdote supervisionerà la politica dell’ufficio a nome del Patriarcato e si prenderà cura delle attività pastorali. Il direttore esecutivo gestirà tutte le questioni amministrative. Lo Statuto, che è in preparazione, descriverà il lavoro da svolgere e sarà pubblicato a breve”. Da mons. Pizzaballa sono arrivate parole di apprezzamento per padre Ashraf Al-Nimri che ha servito nelle scuole di Amman per molti anni e sostituito nel ruolo da padre Wissam Mansour. Novità anche per la Palestina: chiude l’ufficio di Beit Jala e resta operativo solo quello a Ramallah. “Prima dell’inizio del nuovo anno accademico, per ogni ufficio sarà nominato un Consiglio per le scuole. È chiaro – annota mons. Pizzaballa – che ci vorrà del tempo per cambiare il nostro sistema scolastico, ma adesso è il momento di cominciare, anche se siamo chiamati rapidamente a prendere decisioni dolorose per questa importante missione. Nel passato, si sono verificati periodicamente dei cambiamenti in alcune parrocchie. Anche quando ho voluto evitare altre modifiche – si legge nella nota – determinate situazioni hanno imposto di doverne apportare di nuove. Spero e sono fiducioso che ciò possa essere evitato in futuro”. Novità anche nel Dipartimento Gestione dei Beni dove padre Firas Aridah lascia il suo incarico. “Devo dire – conclude mons. Pizzaballa – che quest’anno ho riconosciuto in tutti voi un atteggiamento libero, onesto, rispettoso e aperto, anche quando la mia richiesta è stata inaspettata e forse difficile da accettare”. Tutti i cambiamenti entreranno in vigore il 15 agosto 2018 mentre sono attese altre ulteriori modifiche , in primis la nomina del responsabile per i giovani in Giordania.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa