+++ Nave Aquarius: vescovi Malta, “autorità politiche trovino soluzioni umanitarie per migranti, senza trascurare realtà dei cittadini paesi ospitanti” +++

Foto a bordo Kenny Karpov / SOS MEDITERRANEE

“Esortiamo le autorità politiche in Europa a insistere nel trovare soluzioni umanitarie per questi migranti, senza trascurare le realtà affrontate dai cittadini dei Paesi ospitanti. In passato l’Europa ha affrontato altre sfide analoghe, ma non ha mai perso la speranza di trovare rimedi in linea con i principi di giustizia, legge e solidarietà”. È quanto affermano mons. Charles J. Scicluna, arcivescovo di Malta, e mons. Mario Grech, vecovo di Gozo, in una nota congiunta riguardante la vicenda della nave “Aquarius”. “Seguiamo il fenomeno dell’immigrazione che si sta svolgendo da anni nel Mar Mediterraneo e che mostra la situazione disperata delle persone costrette a fuggire dal proprio paese a causa della guerra o della fame. D’altra parte, questo fenomeno porta anche alla nostra attenzione la sofferenza, le preoccupazioni e i sacrifici della gente dei Paesi ospitanti che offrono rifugio a questi migranti”. I due vescovi maltesi, nel comunicato diffuso oggi in lingua inglese, affermano di apprezzare “il fatto che il governo maltese abbia offerto aiuto medico e altra assistenza ai migranti a bordo di questa nave. Preghiamo perché Dio guidi i nostri politici affinché le loro decisioni future, pur tenendo conto dei nostri limiti, siano in linea con la stessa straordinaria umanità mostrata dai nostri antenati come ricordato negli Atti degli Apostoli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa