Minori stranieri non accompagnati: Albano (garante infanzia), “oggi il 42% è in Sicilia. Distribuirli uniformemente sul territorio nazionale”

“Distribuire uniformemente sul territorio i minori stranieri non accompagnati”. È una delle 10 proposte avanzate questa mattina da Filomena Albano, garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, in occasione della presentazione della Relazione 2017 al Parlamento. “Oggi – ha spiegato – il 42% dei ragazzi è in Sicilia. E questo, in radice, mina e rischia di comportare il fallimento dell’intero sistema di accoglienza”. Una “seconda priorità” riguarda i tutori volontari. “Sono oltre 4mila i cittadini che hanno risposto all’appello lanciato dall’Autorità di garanzia e che si sono dichiarati disponibili a diventare una guida, un punto di riferimento per ragazzi e bambini che hanno attraversato il mare e il deserto, sono soli in Italia e devono essere guidati ad affrontare la normalità in un Paese complesso come il nostro”. Inoltre, i tutori volontari sono “in grado di intercettare dal basso eventuali forme di marginalità sociale, devianza, a tutela non solo dei ragazzi ma dell’intera collettività”. Garantiscono “una integrazione dal basso” fornendo un “modello emblematico di cittadinanza attiva”. Questi tutori “non devono essere lasciati soli, non possiamo disincentivare le aspettative e la disponibilità di tante persone che si sono messe in gioco”. Per questo “è necessario un sistema di rete intorno al tutore che lo supporti”. Inoltre “occorre prevedere polizze assicurative per eventuali profili di responsabilità civile, il permesso dal lavoro per svolgere la funzione tutoria che è una rilevante funzione pubblica, occorre prevedere un rimborso delle spese vive sostenute”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa