Nave Aquarius: porti chiusi in Italia e a Malta, il caso-migranti in emiciclo a Strasburgo

(Strasburgo) Di migranti e nave Aquarius si discute anche in apertura di plenaria all’Europarlamento. L’emiciclo di Strasburgo ha affrontato due diverse proposte, entrambe intese a parlare del caso della nave respinta da Malta e Italia, e poi accettata dalla Spagna. Philippe Lamberts, verde belga, ha sottolineato come la nave con a bordo centinaia di migranti sia “sballottata” nel Mediterraneo: “Capisco le frustrazioni di Italia, Malta, Grecia, Spagna” lasciate sole dinanzi ai flussi migratori; “non dobbiamo lasciare soli questi Paesi”, ma “ciò non giustifica la chiusura dei porti”, mettendo a rischio numerose vite umane. “L’emergenza nel Mediterraneo richiede solidarietà” dagli altri Paesi Ue, secondo Lamberts. Maria Joao Rodrigues, socialista portoghese, ha parlato di “comportamento xenofobo” del governo italiano (nessun giudizio invece sulle analoghe decisioni del governo maltese). Guy Verhofstadt, liberale belga, afferma che “non si tratta di mettere all’indice questo o quel governo”, semmai di affrontare un problema urgente per l’Ue. Il tema delle migrazioni tornerà dunque in aula domani mattina durante la discussione in vista del Consiglio europeo di fine giugno e mercoledì in un apposito dibattito.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa