Incontro mondiale famiglia: mons. Eamon Martin (presidente vescovi), “affermare, riconoscere e sostenere la vita famigliare”

La IX Giornata mondiale delle famiglie sarà “un’occasione per celebrare, affermare, riconoscere e sostenere la vita famigliare”. Lo ha detto stamane in conferenza stampa a Maynooth il presidente dei vescovi irlandesi, mons. Eamon Martin. La visita del Papa il 25-26 agosto a Dublino sarà alla conclusione del Congresso pastorale che prenderà il via il 21 agosto. Nel programma, preparato e guidato da coppie e laici, spiega una nota dall’Ufficio stampa della Conferenza episcopale, sono previsti 200 interventi con relatori che vengono dai cinque continenti (91 donne, 65 uomini e 44 sacerdoti e religiose). Amoris laetitia sarà il tema conduttore del Congresso che esplorerà “le sfide che le famiglie oggi affrontano”: la povertà, le dipendenze, la violenza nelle famiglie, separazione e divorzio, relazioni con membri della famiglia che sono Lgbt, cose tutte “che sono realtà per molte famiglie”, ha sottolineato mons. Eamon Martin. Tra i temi figurano anche i cammini di preparazione al matrimonio, la trasmissione della fede, la solidarietà tra le generazioni, l’impatto della tecnologia, il ruolo della famiglia nella salvaguardia del creato, la vocazione della paternità oggi. Al momento sono quasi 30mila gli iscritti, il numero più alto mai registrato a una giornata mondiale della famiglia; circa 6mila gli under 18 e 11mila i non irlandesi, provenienti da 103 Paesi. Più di un quarto delle coppie iscritte sono tra i 29 e i 40 anni. Sono 5.500 i volontari che hanno dato la propria disponibilità.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa