Consiglio d’Europa: mostra su “L’eredità di Falcone e Borsellino”. Mosca, ministri dello sport alla vigilia dei Mondiali di calcio

(Strasburgo) “L’eredità di Falcone e Borsellino” arriva a Strasburgo, al Palazzo dell’Europa, con una mostra fotografica che sarà inaugurata martedì 12 giugno prossimo, curata dalla rappresentanza permanente dell’Italia presso il Consiglio d’Europa e l’Istituto culturale italiano. Nell’agenda settimanale del Cde compare una riunione di rappresentanti dei ministri degli interni (Strasburgo, 12-13 giugno) sulla “lotta contro la radicalizzazione e i terroristi che agiscono da soli”. Tra i temi da discutere: come migliorare la cooperazione, consolidare le misure legali, prevenire, individuare e combattere la radicalizzazione, anche su Internet, come rafforzare i legami di fiducia tra il cittadino ei servizi di polizia. Parte dell’incontro sarà la “condivisione di esperienze da parte dei Paesi che hanno subito attacchi terroristici” (Germania, Belgio, Spagna, Francia e Regno Unito) e la presentazione di “Help. Progetto di prevenzione della radicalizzazione”. A Tirana, Albania, si apre invece domani, 12 giugno, la riunione del comitato direttivo Romacted, programma congiunto della Commissione europea e del Cde per l’inclusione dei rom dei Paesi dei Balcani occidentali e in Turchia, per verificare l’andamento del programma e pianificare il futuro.
Un seminario per valutare il programma “Enter!”, destinato a chi lavora con o per i giovani per combattere la discriminazione e l’esclusione si svolgerà a Strasburgo (12-19 giugno). Invece a Mosca, il 14 giugno, l’Accordo parziale allargato sullo sport (Epas) terrà una riunione informale dei ministri responsabili dello sport in occasione dell’apertura della Coppa del Mondo Fifa. Tema: lotta contro la manipolazione delle competizioni sportive.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa