Fake news: mons. Melillo (Ariano Irpino), “la comunicazione è chiamata a favorire una cultura dell’incontro”

“La comunicazione è chiamata a favorire una cultura dell’incontro grazie alla quale si possa imparare a guardare la realtà quotidiana con consapevole fiducia”. Lo scrive il vescovo di Ariano Irpino-Lacedonia, mons. Sergio Melillo, nel suo messaggio per la prima Giornata diocesana delle comunicazioni sociali dal tema “Fake news e giornalismo di pace”. Per l’occasione, sabato 12 maggio, alle 10.30, nella cattedrale di Ariano Irpino si terrà una conferenza per riflettere su questo argomento con il presule e i giornalisti Luigi Accattoli e Massimiliano Guerriero. Una conferenza che “nasce dall’intenzione di incontrare coloro che sono impegnati nel mondo dell’informazione e offrire riflessioni per una comunicazione che metta al centro la persona e che abbia il coraggio di farsi prossima a tutti”. L’invito all’iniziativa è rivolto “a tutta la comunità ecclesiale, ai parroci, ai sacerdoti, ai diaconi, ai religiosi e alle religiose, ai fedeli laici e tra questi ultimi, in particolare, a coloro che sono impegnati nel cammino scolastico”. “È ben noto, infatti, come la scuola, quale luogo di apprendimento e di sviluppo delle competenze – sottolinea il vescovo -, spesso includa nel suo progetto educativo iniziative formative legate al settore del giornalismo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori