Australia: istituito dalla Conferenza episcopale e dai religiosi un “Gruppo consultivo”, in risposta alla “tragedia di abusi sessuali su minori”

Un gruppo consultivo che avrà il “ruolo cruciale” di monitorare la puntuale risposta della Chiesa cattolica allo scandalo degli abusi sessuali su minori. Lo ha istituito la Conferenza episcopale australiana e la Conferenza dei religiosi in risposta alla tragedia di abusi sessuali su minori.
In un comunicato, l’arcivescovo Denis Hart, presidente della Conferenza episcopale australiana, ha spiegato che il nuovo “Implementation Advisory Group” avrà il compito di monitorare la risposta alle conclusioni e alle raccomandazioni della “Commissione reale” che ha lavorato a livello istituzionale sugli abusi sessuali su minori e alle raccomandazioni del “Consiglio verità, giustizia e guarigione” che ha invece guidato l’impegno della Chiesa su questo fronte.
Suor Ruth Durick, presidente del “Catholic Religious Australia”, parla di un enorme lavoro da fare. “Il compito del gruppo consultivo è quello di essere propositivi riguardo alle necessarie riforme che le istituzioni e le comunità cattoliche dovranno attuare per essere luoghi sicuri e trasparenti”.
È “necessario”, aggiunge l’arcivescovo Hart, lavorare “insieme per identificare le lacune che ci sono state nella risposta e monitorare i progressi compiuti fino ad oggi in tutte le aree di riforma per la Chiesa in Australia in risposta alla crisi, alle raccomandazioni della Commissione reale e al lavoro del Consiglio verità e giustizia”. A guidare il Gruppo sarà Jack de Groot. “Il nostro ruolo – spiega – sarà quello di incoraggiare tutte le organizzazioni cattoliche – siano esse laiche, religiose o della Conferenza episcopale – ad aderire ad una cultura che vive delle lezioni apprese dalla tragedia dell’abuso sui minori”. “C’è molto lavoro da fare”, ha proseguito. “I leader della Chiesa in Australia – ha concluso de Groot – sanno che la fine della Royal Commission non è la fine del processo di cambiamento in corso, ma segna piuttosto l’inizio di una nuova fase durante la quale nuove idee e le raccomandazioni possono dare forma ad una nuova presenza della Chiesa in questo Paese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo