Frana in Valtellina: Coldiretti, “almeno 60 alpeggi inaccessibili”

“Almeno 60 alpeggi, di cui 18 con caseifici, per un totale di oltre tremila ettari di pascoli sono inaccessibili agli agricoltori e ai loro animali con greggi di pecore e capre rimasti isolati”. È quanto emerge da un monitoraggio sugli effetti della frana di Gallivaggio in Valtellina effettuato dalla Coldiretti che ha mobilitato i propri tecnici sul territorio per verificare la situazione e trovare una rapida soluzione in vista dell’avvicinarsi della stagione estiva e della transumanza. “Negli alpeggi interessati – sottolinea Coldiretti – si trovano già un migliaio di pecore e capre ma è necessario riaprire le vie di accesso per consentire la transumanza anche di mucche e vitelli che popolano queste zone durante l’estate”. “Bisogna fare in fretta – conclude Coldiretti – per mettere in sicurezza il territorio e per garantire l’insostituibile attività di allevamento in montagna riaprendo i collegamenti e trovando soluzioni alternative sostenibili”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa