Diocesi: Ancona-Osimo, il 1° giugno si concludono “Le Giornate dell’anima” con l’incontro con Giancarlo Galeazzi

Sarà “La prossimità voce dell’anima: in Papa Francesco” il tema al centro dell’ultimo incontro de “Le Giornate dell’anima”, organizzate nell’ambito del Progetto culturale dall’arcidiocesi di Ancona-Osimo. Venerdì 1° giugno, ad Osimo, dalle 17.30 a nella sala San Francesco, adiacente al chiostro della basilica di San Giuseppe da Copertino, sarà Giancarlo Galeazzi ad affrontare il tema in una conversazione – si legge in una nota – nella quale spiegherà che “senza la scelta di ‘farsi prossimo’ l’anima diventa afona, mentre è nell’esercizio della prossimità che esprime più compiutamente la propria essenza donativa”. Galeazzi, che è coordinatore del Festival, è docente di filosofia all’Issr di Ancona e presidente onorario della Società filosofica italiana di Ancona. A Osimo, prosegue la nota, “dopo aver trattato nelle precedenti edizioni dei mali dell’anima e dei relativi antidoti, dell’anima come umanesimo trascendente, della misericordia come bisogno dell’anima, e delle virtù deboli come forza dell’anima”, Galeazzi rifletterà sul tema della prossimità, “che sta conoscendo oggi – spiegano i promotori – un rinnovato interesse in presenza della crisi di umanità cui si sta assistendo da punto di vista individuale e civile. L’imperativo del ‘farsi prossimo’ sarà preso in considerazione dal punto di vista culturale e alla luce del magistero di Papa Francesco, mostrando una inedita convergenza per il rinnovamento dei rapporti interpersonali e intergerazionali, sociali e religiosi”. L’incontro sarà introdotto da p. Giancarlo Corsini, dell’Ordine dei Frati minori conventuali, e concluso dall’arcivescovo di Ancona-Osimo, mons. Angelo Spina.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa