Papa Francesco: ai vescovi tedeschi, su “matrimoni misti e partecipazione comune all’Eucaristia” trovare “risultato unanime”

“Papa Francesco apprezza l’impegno ecumenico dei Vescovi tedeschi e chiede a loro di trovare, in spirito di comunione ecclesiale, un risultato possibilmente unanime”. È quanto ha illustrato l’arcivescovo Luis F. Ladaria, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, nel corso del colloquio, svoltosi oggi in lingua tedesca, tra alcuni vescovi tedeschi con responsabili della Santa Sede. Oggetto dell’incontro il Sussidio pastorale dal titolo “Camminare con Cristo – sulle orme dell’unità. Matrimoni misti e partecipazione comune all’Eucaristia”, approvato dalla Conferenza episcopale tedesca nella sua ultima sessione plenaria svoltasi da 19 al 22 febbraio 2018. A dare conto dei risultati del colloquio è un comunicato diffuso in serata dalla sala stampa vaticana, in cui tra l’altro si ricorda più di tre quarti dei membri della Conferenza episcopale tedesca hanno approvato il testo. “Un numero non indifferente di pastori – tra i quali sette vescovi diocesani – non si sono sentiti in grado, per vari motivi, di dare il loro assenso. Questi sette vescovi si sono rivolti alla Congregazione per la dottrina della fede, al Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani e al Pontificio Consiglio per i testi legislativi. Secondo il desiderio di Papa Francesco è quindi stato concordato il colloquio” durante il quale, riferisce la sala stampa, “sono stati discussi vari punti di vista: ad esempio, la relazione della questione con la fede e la cura pastorale, la sua rilevanza per la Chiesa universale e la sua dimensione giuridica. L’arcivescovo Ladaria informerà il Santo Padre circa il contenuto del colloquio. L’incontro si è svolto in un’atmosfera cordiale e fraterna”.
All’incontro, svoltosi presso la sede della Congregazione per la dottrina della fede, hanno partecipato i seguenti vescovi tedeschi: il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di München und Freising e presidente della Conferenza episcopale tedesca; il cardinale Rainer Maria Woelki, arcivescovo di Colonia; mons. Felix Genn, vescovo di Münster; mons. Karl-Heinz Wiesemann, vescovo di Speyer e presidente della Commissione dottrinale della Conferenza episcopale tedesca; mons. Rudolf Voderholzer, vescovo di Regensburg e vice-presidente della Commissione dottrinale della Conferenza episcopale tedesca; mons. Gerhard Feige, vescovo di Magdeburg e presidente della Commissione per l’ecumenismo della Conferenza episcopale tedesca; p. Hans Langendörfer, segretario della Conferenza episcopale tedesca. Da parte della Santa Sede erano presenti: l’arcivescovo Luis F. Ladaria, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede; il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani; mons. Markus Graulich, sotto-segretario del Pontificio Consiglio per i testi legislativi; p. Hermann Geissler, capo ufficio presso la Congregazione per la dottrina della fede.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa