Libertà di stampa: Mattarella, “è fondamento di democrazia”. “Occorre proteggere le voci che rifiutano ogni sopraffazione”

“La libertà di informazione, come attesta la nostra Costituzione, è fondamento di democrazia”. Lo ricorda il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della XI Giornata della memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo organizzata dall’Unione nazionale cronisti italiani. In un messaggio inviato al presidente dell’Unci, Alessandro Galimberti, il Capo dello Stato nell’esprimere “vicinanza” e “solidarietà” a chi ha “visto spezzare l’esistenza di un loro caro”, sottolinea che “la ricerca della verità, con tenacia, coraggio, intuizione, intelligenza, rigore, ha accompagnato l’impegno di persone consapevoli, che hanno messo la loro professionalità al servizio della crescita della società”. Per Mattarella, “è proprio grazie a questi uomini e a queste donne, al loro lavoro, che, dove prima vi era diffusa omertà, ora spesso sono presenti simboli delle associazioni impegnate contro la mafia. Dove vi era silenzio dettato dal timore, o dalla connivenza, ora vi sono le parole, forti e coraggiose, dei nostri ragazzi. Dove c’era indifferenza o rassegnazione, ora si insegna la legalità”. “Una nuova stagione di violenze contro la stampa, in Italia, in Europa, nel mondo, sembra riaffacciarsi”, sottolinea il presidente della Repubblica, per il quale “ancora oggi aggressioni e intimidazioni minacciano il lavoro di quei cronisti che non si piegano alla logica di interessi e poteri illegali e della criminalità, recando così un contributo rilevante alla causa della democrazia”. “Occorre sostenere il loro lavoro – conclude – perché difendono dall’aggressione la nostra vita sociale e la nostra libertà personale e familiare, attraverso l’informazione libera e corretta. Occorre proteggere le loro voci che rifiutano ogni sopraffazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa