Politica: card. Bassetti, “cogliere la sfida del nuovo che avanza per fare un esame di coscienza”. “Stima” al presidente Mattarella

“Credo che sia giunto il momento di cogliere la sfida del nuovo che avanza nella politica italiana per fare un esame di coscienza e, soprattutto, per rinnovare la nostra pedagogia politica e aiutare coloro che sentono che la loro fede, senza l’impegno pubblico, non è piena”. Ne è convinto il card. Bassetti, che intervenendo all’Assemblea della Cei ha affermato che “la fede non può essere fumo, ma fuoco nel cuore delle nostre comunità”. “Dove sono le nostre intelligenze, dove sono le nostre passioni? Perché il dibattito tra noi è così stentato? Di che cosa abbiamo timore?”, le domande provocatorie a proposito della testimonianza cristiana in politica. “Gli spazi che la dottrina e il magistero papale ci hanno aperti sono enormi – come ribadiva ieri sera il Santo Padre – ma sono spazi vuoti se non li abitiamo”, il monito: “E spazi dottrinali vuoti o pieni di pia retorica non sono sufficienti a contenere le tragedie di questa umanità in mezzo alla quale la misericordia del Signore ci ha posto”. A proposito dei cattolici impegnati in politica, il presidente della Cei si è chiesto: “Sono molti, sono pochi? Ancora una volta, non è questione di numero, ma di luce, lievito e sale: ogni società vive e progredisce se minoranze attive ne animano la vita spirituale e si mettono al servizio di chi nemmeno spera più”. “In questo momento cruciale della nostra storia, esprimiamo con convinzione la nostra stima al Presidente della Repubblica per la guida saggia e paziente con cui sta facendo di tutto per dare un governo all’Italia”, il tributo a Mattarella.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa