This content is available in English

Regno Unito: il Paese ricorda l’attacco terroristico a Manchester. Celebrazioni anglicane e cattoliche. Mons. Arnold, “ricostruire la comunità”

Manchester, insieme al resto del Regno Unito, piange e ricorda l’attacco di un anno fa all’Arena, durante un concerto di Ariana Grande, nel quale morirono 22 persone e oltre 800 rimasero ferite. Domani, alle 14.30, un minuto di silenzio verrà osservato in tutto il Paese e anche nella cattedrale anglicana della città, durante una funzione che vedrà la partecipazione delle famiglie delle vittime, dei sopravvissuti, di infermieri, dottori e poliziotti che prestarono i primi soccorsi. La commemorazione verrà trasmessa anche nelle cattedrali di York, Liverpool e Glasgow. Una messa per le vittime verrà celebrata, nella cattedrale cattolica di Salford, dal vescovo John Arnold, domani sera, mentre Albert Square, piazza dove la città si era riunita dopo l’attacco, ospiterà una folla che canterà per ricordare. La giornata di domani si concluderà con il suono di tutte le campane della città. “Speriamo che il lavoro che è stato fatto, durante quest’ultimo anno, per ricostruire la nostra comunità, possa continuare”, ha detto il vescovo cattolico John Arnold. Sempre domani ricorre il quinto anniversario della morte del soldato Lee Rigby. La vedova Rebecca, insieme ad altri parenti di vittime di attacchi terroristici, hanno firmato una lettera aperta, nel giornale domenicale “Observer”, nella quale chiedono al pubblico di giocare un ruolo attivo nella lotta al terrorismo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo