Migrazioni: Caritas Ambrosiana, i numeri e le strutture dell’accoglienza in diocesi di Milano

(Milano) Sono 2.362 i posti che il Sistema di accoglienza diffusa della diocesi di Milano assicura per i rifugiati. Il sistema è costituito da piccole comunità di migranti collocate in centri di medie dimensioni, ricavate all’interno di ex pensionati per lavoratori o negli spazi di istituti religiosi o in appartamenti di proprietà delle parrocchie o di singoli cittadini. Lo rende noto Caritas Ambrosiana al termine del convegno odierno svoltosi a Milano sulle politiche migratorie e l’accoglienza in Italia e in Europa, promosso assieme alla Rappresentanza a Milano della Commissione europea. Le strutture diocesane per l’ospitalità sono 239; le parrocchie coinvolte sono 107 su un migliaio che compongono la diocesi. I posti si suddividono tra: Cas, Centro di prima accoglienza (126 strutture, 1.288 posti); Sprar, Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati politici (68 strutture, 695 posti); Racm, “Rifugiato a casa mia” (appartamenti di famiglie o parrocchie, 10 strutture per 16 posti); altre 35 strutture in genere parrocchiali, al di fuori delle convenzioni con le istituzioni, per 363 posti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa