Papa Francesco: ricevuti in udienza il presidente armeno, Karekin II e Aram I

È durata 24 minuti, dalle 10.06 alle 10.24, l’udienza concessa dal Papa al presidente dell’Armenia, Serzh Sargsyan, secondo quanto ha riferito il “pool” di giornalisti ammessi in Vaticano. Due gli interpreti per il colloquio privato, in armeno. La delegazione era composta da nove persone, tra cui la figlia del presidente, che è anche la moglie dell’ambasciatore armeno presso la Santa Sede, presente anche lui all’incontro. Il presidente ha donato al Papa il modellino della chiesa di Gaianè, del 630 d.C. , definendola “una chiesa importante per l’ecumenismo”. Il Papa ha regalato al presidente un calco di gesso, del 360 d. C., raffigurante l’episodio evangelico del miracolo del paralitico. Immancabili, come per tutti i capi di Stato, i doni di una copia dell’Amoris Laetitia, dell’Evangelii gaudium e della Laudato si’, insieme al messaggio per la Giornata mondiale della pace di quest’anno. Una decina di minuti dopo la fine del colloquio con il presidente è iniziato quello con Karekin II, patriarca supremo e Catholicos di tutti gli armeni, che è arrivato alle 10.52 e si è trattenuto fino alle 11.29. Presente un solo interprete – ha riferito il “pool” di giornalisti – per l’incontro che si è svolto probabilmente in inglese. Karekin ha regalato a Francesco un libro sul monastero di Narek, dicendo a Francesco: “Questo monastero non esiste più, è stato distrutto in Turchia”. Il Papa ha regalato sia a Karekin, che poi ad Aram, una croce di pietra con i quadri delle raffigurazioni della Cappella Sistina scolpite sopra, oltre che una copia dell’Evangelii gaudium, dell’Amoris Laetitia e della Laudato sì. Terminato il colloquio con Karekin, alle 11.41 è entrato nella biblioteca privata del Papa Aram I, Catholicos della chiesa armena apostolica di Cilicia, per un incontro più breve del precedente a causa del ritardo accumulato. “How are you?”, ha chiesto Aram al Papa, che ha risposto: “Good”. “How’s your health?”, l’altra domanda del Catholicos sulla salute: “Great”, la risposta di Francesco, che poi ha commentato: “It’s an Armenian day!”. Aram I ha regalato al Papa una croce placcata d’oro: “E’ un simbolo del popolo armeno”, ha spiegato. Francesco l’ha baciata, così come ha fatto Aram con il dono del Papa. Poi il Papa, il presidente e i due esponenti della chiesa armena hanno partecipato all’inaugurazione della statua di San Gregorio di Narek nei Giardini Vaticani.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo