Formazione: mons. Lorefice (Palermo), “ripartire dai bambini e dalle periferie per arrivare al cuore della città”

“Se si riparte dai bambini e dalle periferie si trova il centro, si arriva al cuore della città. Non cresce una città se non si parte dai piccoli e dalle periferie”. Lo ha detto mons. Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo, ieri sera a Modica nel corso della presentazione del volume “Crisci ranni. La città ripensata dalle periferie” (ed. Il Pozzo di Giacobbe). Il presule ha ricordato che “il capitale umano è la risorsa fondamentale della città. Un elemento economico che va in controtendenza rispetto all’economia che noi occidentali ci siamo dati, che mette a rischio anche la proposta scolastica”. L’attenzione dell’arcivescovo si è poi concentrata sulle periferie. “Periferia è sempre una ricchezza, significa che tu vai al dunque dell’umano: quando vai in periferia non puoi più barare, ti fa chiamare le cose per nome e per cognome. Non si può essere nell’ipocrisia, ti sbatte in faccia la realtà della vita”. Il suo pensiero è rivolto ai “ragazzi ghettizzati e isolati”, che “possono diventare lavoratori, professionisti, sindacalisti, politici di tutto rispetto. Possono diventare educatori, a Barbiana come a Modica, alla Vignazza come allo Zen di Palermo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo