Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Italia, al Quirinale consultazioni per il Governo. Ancora scintille su dazi Usa-Cina. California, spari nella sede di Youtube

Italia: da questa mattina al Quirinale le consultazioni per il nuovo Governo. Rischio tempi lunghi

È tutto pronto al Quirinale dove in mattinata prendono il via le consultazioni del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per la formazione del nuovo Governo, il 65esimo della storia repubblicana. La prima a varcare la soglia della studio alla Vetrata sarà, alle 10.30, la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, seguita dal presidente della Camera , Roberto Fico, e dall’ex Capo di Stato, Giorgio Napolitano. Poi saliranno al Colle le delegazioni dei partiti presenti in Parlamento: ultima sarà quella del Movimento Cinque Stelle, alle 16.30 di domani. Dal Quirinale filtra una richiesta ai partiti, quella della concretezza. Il rischio, infatti, è quello che a Mattarella potrebbe non bastare un solo giro di consultazioni per conferire un incarico per la formazione del nuovo Governo viste le difficoltà, evidenziatesi ancora nelle ultime ore, di poter costituire tra le forze politiche una maggioranza parlamentare in grado di sostenere un esecutivo.

Dazi Usa: verso nuove misure su altri 1.300 prodotti cinesi. La reazione di Pechino

Sono circa 1.300 i prodotti esportati dalla Cina sui quali gli Stati Uniti potrebbero applicare dazi per circa 50 miliardi di dollari. L’elenco, reso pubblico, deve ancora essere completato: sono indicati prodotti chimici industriali, medicinali e metalli. Sarebbe un ulteriore passo dell’escalation nei già tesi rapporti commerciali tra i due Paesi, visto che l’elenco è considerato la risposta al presunto furto cinese di segreti industriali, con violazione della proprietà intellettuale di software, brevetti e tecnologia “made in Usa”. Dalla Cina, dove lunedì sono stati imposti dazi su 128 prodotti Usa per 3 miliardi di dollari, è arrivata la pronta condanna al nuovo annuncio statunitense: “Nonostante forti reclami da parte cinese”, afferma in un comunicato il ministero del Commercio di Pechino, “gli Stati Uniti hanno annunciato le proposte di dazi che sono completamenti infondati, una tipica pratica unilaterale e protezionistica che la Cina condanna con forza e a cui si oppone fermamente”. Allo studio contromisure di analoga portata.

Israele: rinuncia di Netanyahu su accordo su migranti africani. L’Unhcr, “riveda abolizione intesa”

“Incoraggiamo il governo di Israele a considerare ulteriormente la questione”. Così l’Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha reagito all’annullamento da parte del primo ministro Benjamin Netanyahu dell’accordo sulla ricollocazione in altri Paesi di rifugiati eritrei e sudanesi attualmente in Israele. La scelta del premier israeliano è stata accolta “con dispiacere” dall’Unhcr che, invece, “continua a credere che un accordo vantaggioso per entrambe le parti a vantaggio di Israele e delle persone che hanno bisogno di asilo sia nell’interesse di tutti”. “Speriamo che Israele riconsideri presto la sua decisione”, ha affermato un portavoce dell’Alto Commissariato.

Stati Uniti: sparatoria nella sede di Youtube, 4 feriti. Suicida l’assalitrice

Una donna 39enne è stata la protagonista di una sparatoria nella sede di YouTube, a San Bruno, in California. A rimanere ferite sono state 4 persone, colpite dagli spari e che poi sono state trasportate in ospedale. La donna, invece, è morta “in seguito a ferite autoinflitte”, secondo quanto riferito dalla Polizia locale. Secondo alcune fonti, l’obiettivo dell’assalitrice era l’ex fidanzato, ma non si escludono altre cause. Se quella del terrorismo pare poco probabile, a scatenare l’azione potrebbe essere il fatto che la donna, un’animalista, avrebbe un canale Youtube sul quale recentemente avrebbe pubblicato un filmato nel quale accusa la piattaforma di video più famosa al mondo di boicottare il suo canale e di non pagare le somme dovute per il traffico di visualizzazioni generato.

Caso Skripal: la provenienza del veleno è ignota

Dopo un mese da quanto accaduto a Salisbury, nel Regno Unito, rimane avvolto nel mistero il caso del tentato avvelenamento dell’ex spia russa Serghei Skripal e della figlia Yulia. Dal rapporto dei laboratori militari britannici, infatti, emerge che “non è stata verificata la provenienza precisa” dell’agente nervino di “tipo novichok” utilizzato per intossicare i due. Ad ammetterlo è stato il direttore del laboratorio di Porton Down, Gary Aitkenhead, secondo cui “probabilmente solo uno Stato” avrebbe potuto produrre il gas ma senza indicarne la Russia o un altro Paese come l’autore. Il giallo, che ha generato la più grande crisi diplomatica tra Occidente e Russia dagli anni della Guerra Fredda, fatica a risolversi.

Sicilia: 3 arresti nel palermitano per voto di scambio

Sono tre le persone arrestate dai Carabinieri nel palermitano con l’accusa di voto di scambio. Si tratta dell’ex deputato dell’Assemblea Regionale Siciliana durante la XVI Legislatura ed ex sindaco di Monreale, Salvatore Caputo detto Salvino, del fratello Mario, e di Benito Vercio, accusato di essere il “procacciatore di voti” nel termitano. Salvatore Caputo, avvocato penalista monrealese, è stato commissario straordinario per i Comuni della provincia di Palermo del movimento “Noi con Salvini” durante le elezioni amministrative della scorsa primavera. Il fratello Mario, anch’egli avvocato, è stato candidato per il movimento “Noi con Salvini” alle ultime elezioni dell’Assemblea Regionale Siciliana ma non è stato eletto. Nelle indagini, sarebbero emersi dodici episodi di compravendita di voti in cambio di promesse di posti di lavoro o altre utilità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia