Polonia: Cracovia, beatificazione Hanna Chrzanowska. Vescovo Jedraszewski, “esempio di sollecitudine per santità di ogni vita umana”

L’infermiera Hanna Chrzanowska, la cui beatificazione è stata celebrata oggi a Cracovia, “è stata un faro di luce nel buio della sofferenza umana”, ha detto il prefetto della Congregazione per le cause dei santi, cardinale Angelo Amato, presiedendo la liturgia concelebrata dal nunzio apostolico in Polonia mons. Salvatore Pennacchio, una quarantina tra arcivescovi e vescovi, e oltre 250 sacerdoti. Alla cerimonia hanno partecipato ventimila fedeli radunati sul sagrato della basilica della Divina misericordia nel quartiere di Lagiewniki, e davanti ai maxischermi sistemati sulla spianata del parco di Blonie nel centro della città. Come è stato letto durante il rito, Papa Francesco ha assentito alla beatificazione di Hanna Chrzanowska (1902-1973) poiché da laica “fu guidata dall’amore di Gesù Buon samaritano e si consacrò ai sofferenti nel corpo e nell’anima, aiutando loro con dedizione”. “La beatificazione di Hanna Chrzanowska è un particolare dono del Signore alla Polonia che quest’anno celebra il 100° anniversario dell’indipendenza, e il 40° dell’elezione di Karol Wojtyla al soglio pontificio”, ha ricordato l’arcivescovo di Cracovia mons. Marek Jedraszewski al termine della celebrazione, aggiungendo che la nuova beata “è l’esempio di sollecitudine per la dignità e la santità di ogni vita umana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa