Social network: Swg, per il 77% degli italiani è preoccupante come usano i dati personali

Per il 77% degli italiani è preoccupante come i social network usano i dati personali. È quanto si legge in “PoliticApp”, lo speciale di Swg “Tra privacy e consumi”, pubblicato oggi. Alla domanda se l’uso dei dati personali da parte dei social network è un problema grave, gli intervistati – 1.000 soggetti maggiorenni – hanno risposto per il 31% “molto”, per il 46% “abbastanza”, per il 17% “poco” e per il restante 6% “per niente”. Il problema è visto con più gravita dai 55-64enni (84%) piuttosto che dai 15-24enni (67%). Per il 63% degli intervistati, le norme a tutela dei dati personali lasciati sui social network “vanno rese più rigide”, per il 16% “vanno bene così” mentre per il 13% “vanno rese più semplici”. Più della metà degli intervistati (52%) è contrario o manifesta dubbi rispetto al fatto di fornire alle aziende dati personali pur di ricevere comunicazioni mirate e personalizzate. Solo il 6% si dice “molto” d’accordo a fornire i propri dati alle aziende mentre il 35% si dice “abbastanza” d’accordo. La metà esatta degli intervistati (50%) sceglie di tutelare la propria privacy rispetto alla possibilità di ottenere sconti (35%) mentre il 15% “non sa” quale delle due alternative scegliere.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori