Vaccini: Commissione Ue, 15mila casi di morbillo in un anno. “Piani di vaccinazione nazionali o regionali”

(Bruxelles) “Nel periodo di dodici mesi tra il 1° marzo 2017 e il 28 febbraio 2018 sono stati segnalati, attraverso il sistema europeo di sorveglianza, 14.813 casi di morbillo. Tra questi casi, per quelli di cui si conosce lo stato di vaccinazione, l’86% dei soggetti non era stato vaccinato”. Il dato è riferito dalla Commissione Ue, che oggi ha avanzato una serie di proposte invitando gli Stati membri a intraprendere 20 azioni, tra cui: sviluppo e attuazione di piani di vaccinazione nazionali o regionali entro il 2020, “compreso un obiettivo di copertura vaccinale di almeno il 95% per il morbillo”; introduzione di controlli di routine “dello stato vaccinale e opportunità periodiche di vaccinazione nelle diverse fasi della vita, ad esempio nelle scuole e sui posti di lavoro”; presentazione di opzioni per una tessera delle vaccinazioni comune che possa essere condivisa elettronicamente tra i Paesi; istituzione di un portale europeo di informazione sulle vaccinazioni entro il 2019 “al fine di fornire dati obiettivi, trasparenti e aggiornati in merito ai vantaggi e alla sicurezza dei vaccini”; archivio virtuale dati Ue “contenente informazioni sulle scorte e sui fabbisogni di vaccini per facilitare lo scambio volontario di informazioni sulla disponibilità e sulle carenze di vaccini essenziali”; fornitura a tutti gli operatori sanitari “della formazione necessaria a somministrare le vaccinazioni con sicurezza e a gestire atteggiamenti esitanti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo