Nicaragua: i salesiani, “solidali con il popolo chiediamo la pace”

Anche i salesiani esprimono una forte condanna della repressione governativa contro la popolazione che protestava per le nuove misure fiscali, con una trentina di morti e centinaia di feriti. E invocano la pace, “frutto del rispetto della dignità delle persone”.  “Con molto dolore e grande commozione abbiamo seguito in questi giorni la situazione che il popolo del Nicaragua sta vivendo a seguito della violenta repressione che, a nome del governo ufficiale, si è scaricata sulle migliaia di manifestanti scesi in piazza per esprimere il loro disaccordo di fronte alle nuove misure fiscali che erano state decretate nei giorni precedenti”,  affermano in una lettera scritta da don Ángel Prado, superiore dell’Ispettoria del Centro America diffusa da Ans, la newsletter dei salesiani. “Il reclamo per una giusta causa è stato trasformato in una triste scena di violenza, disordini e saccheggi, con il doloroso saldo di molte vittime”, scrivono i religiosi, presenti in Nicaragua da 107 anni. Rendono perciò pubblico il “nostro ripudio dei fatti intercorsi e, in comunione con la Chiesa locale e i suoi pastori”, condannano “tutti gli atti di violenza, vandalismo e repressione che minacciano la vita e l’integrità delle persone e il loro diritto a esprimersi pacificamente in difesa della giustizia e della solidarietà sociale”. “Desideriamo manifestare al popolo del Nicaragua che il suo dolore ci ferisce – sottolineano – e che, a motivo della nostra identificazione con il Vangelo di Gesù Cristo, vogliamo camminare al suo fianco, offrendo il nostro sostegno a tutto ciò che può contribuire a una pace vera e stabile”. “Il Nicaragua merita di vivere in pace e i nicaraguensi meritano una vita dignitosa basata sul rispetto di tutti i loro diritti fondamentali”, concludono. La Conferenza episcopale del Nicaragua ha accettato di fare da mediatrice e testimone nel dialogo convocato dal presidente Daniel Ortega dopo la grave situazione nel Paese. lanciano un appello per la pace.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo