Diocesi: Venezia, morto a 97 anni mons. Sergio Sambin. Era il sacerdote più anziano del patriarcato

Si è spento questa mattina a Venezia, all’ospedale Fatebenefratelli dove era ricoverato da qualche giorno per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute, mons. Sergio Sambin. Ne dà notizia il patriarcato di Venezia, in una nota nella quale ricorda che mons. Sambin aveva ormai superato i 97 anni ed era attualmente il sacerdote più anziano d’età della diocesi. Nato a Venezia il 16 dicembre 1920, fu ordinato sacerdote il 25 giugno 1950 dall’allora patriarca Agostini. Il suo primo incarico pastorale è stato quello di vicario parrocchiale a S. Felice (Venezia); per parecchio tempo (dal 1953 al 1968) fu impegnato nella Cancelleria patriarcale, prima come procancelliere e poi come Cancelliere patriarcale. In diversi periodi, poi, è stato membro del Consiglio amministrativo diocesano, della Commissione diocesana di arte sacra e della Commissione diocesana per l’evangelizzazione e la catechesi, rettore della chiesa vicariale di S. Sofia, insegnante di religione al Liceo Marco Polo di Venezia e assistente ecclesiastico del settore maschile dell’Azione Cattolica oltre che preside del Collegio dei parroci e docente in seminario.
Dal 1959 fino al 2010, per oltre cinquant’anni ininterrottamente, ha prestato il suo servizio come avvocato del Tribunale ecclesiastico regionale triveneto; più recentemente, per oltre un decennio (1998-2008), aveva anche curato e coordinato un servizio legale e pastorale di consulenza gratuita in vista di un possibile ricorso al Tribunale stesso per ottenere la dichiarazione di nullità del matrimonio. Da 50 anni canonico del capitolo cattedrale metropolitano di S. Marco, Sambin è stato anche consulente ecclesiastico provinciale dell’Aiart e assistente del movimento Rinascita Cristiana. I funerali, presieduti dal patriarca Francesco Moraglia, saranno celebrati giovedì 26 aprile, alle 10 nella basilica di S. Marco a Venezia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia