Cinema: dal 25 aprile “Avengers: Infinity War”. Giraldi (Cnvf), “pellicola sui pericoli delle guerre e la portata devastatrice”

“È una bella sorpresa il nuovo film Marvel ‘Avengers: Infinity War’, un film in cui compaiono combattimenti serrati ma che afferma anche una cultura del dialogo e della pace”. Esordisce così al Sir Massimo Giraldi, presidente della Commissione nazionale valutazione film della Cei, al termine dell’anteprima di “Avengers: Infinity War” diretto dai registi Anthony e Joe Russo, in uscita nei cinema da domani (25 aprile).
Il nuovo capitolo della saga, dopo i primi “The Avengers” (2012) e “Avengers: Age of Ultron” (2015), che mette insieme i molti eroi Marvel già al successo con i singoli biopic dedicati – tra cui Iron Man, Capitan America, Hulk, Thor, la Vedova Nera –, “riesce a legare la componente fantastica e spettacolare a una riflessione più seria e approfondita, in una società segnata da continue tensioni terroristiche e minacce di guerra”. Prosegue così Giraldi, che aggiunge: “Nella prima parte ritornano tutti gli eroi conosciuti, mettendo in campo una forte carica ironica e umoristica; non mancano poi simpatiche citazioni al cinema hollywoodiano e alla sua storia. Nella seconda parte, invece, c’è un cambio di passo e i vari eroi combattono una battaglia più seria, che vede al centro la sopravvivenza dell’uomo”.
Ancora il presidente della Cnvf: “È una battaglia senza esclusioni di colpi, con una ricerca di effetti speciali molto accentuata, che raggiunge l’apice soprattutto nell’ultima mezz’ora. In questo duro scontro, in questo clima di guerra totale, corre un messaggio d’allarme, quasi un’esortazione ai popoli di tutto il mondo a tenersi lontani da guerre e aggressioni”.
Concludendo, Giraldi rimarca: “Non si può negare una chiara malinconia nel film, nel voler sottolineare proprio il volto spietato della guerra. Assistiamo infatti alla scomparsa di alcuni eroi, che si perdono sul campo di battaglia. La guerra non fa sconti. E attenzione, poi, al sotto-finale che arriva dopo i lunghi titoli di coda”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia