Papa ad Alessano e Molfetta: mons. Angiuli (Ugento-S. Maria di Leuca), “indulgenza plenaria a chi visita i luoghi di don Tonino Bello”

“Abbiamo chiesto alla Penitenzieria apostolica di poter usufruire dell’indulgenza plenaria, non solo il giorno in cui verrà il Papa, ma durante tutte le celebrazioni del 25° anniversario della morte di don Tonino”. Lo annuncia, in un’intervista al Sir, mons. Vito Angiuli, vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, spiegando che a partire dall’arrivo di Papa Francesco nel Salento sarà possibile ottenere l’indulgenza plenaria visitando i luoghi di don Tonino: la casa, la chiesa madre e la tomba. Anche i malati, pur non potendo visitare i luoghi, potranno unirsi alla preghiera e lucrare l’indulgenza per sé e per le loro famiglie offrendo la loro sofferenza e la loro malattia. Tra le altre iniziative in programma dopo la visita del Papa, un convegno su don Tonino organizzato congiuntamente dalle Università di Lecce e di Bari, insieme alle Facoltà teologiche di Bari e di Napoli e un convegno il 2 maggio, a Leuca, sulla “convivialità delle differenze”, espressione coniata dal vescovo salentino come ricetta per garantire un futuro di pace. Da diversi anni, inoltre, ad agosto, si svolge la “Carta di Leuca”, che chiama all’appello i giovani di tutte le culture e religioni per un dialogo sul mare Mediterraneo “come luogo di incontro, pace e fraternità”. Il pellegrinaggio notturno da Alessano a Leuca – una tradizione inaugurata proprio da don Tonino – quest’anno si allargherà a tutta la metropolia di Lecce-Nardò-Otranto-Brindisi-Ugento: i ragazzi faranno il percorso dal 5 al 10 agosto, per poi partire l’11 ed andare a Roma dal Papa unendosi al pellegrinaggio dei giovani in preparazione al Sinodo, il 12 e 13 agosto.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa