Diocesi: Ragusa, con il microcredito di “Io resto qui” creati 130 posti di lavoro

Circa 85 attività avviate, 130 nuovi posti di lavoro creati. Sono i primi riscontri del microcredito per le imprese promosso dalle diocesi di Ragusa e Noto. A comunicarli è stato Renato Meli, direttore dell’ufficio della Pastorale sociale e del lavoro, nel corso dell’iniziativa “Io resto qui, percorsi di vita che vincono il deserto”, che si è svolta ieri nell’auditorium dell’Itis di Ragusa. “Come Chiesa – ha sottolineato Meli – si tratta di un segno piccolo ma significativo”. Il vicario generale don Roberto Asta ha parlato di “segnale di speranza” e auspicato che si possano “colmare quei vuoti generati dalle assenze di un progetto di sviluppo, di una autentica cultura politica e di iniziative che mettano al centro l’universo giovanile”. “In questo contesto, il ruolo della Chiesa – si legge in una nota della diocesi di Ragusa – non può che essere di stimolo all’avvio di processi virtuosi. Il progetto Policoro, il microcredito per l’avvio delle nuove imprese, la scuola di cucina sono passaggi di una visione più ampia che conduce la Chiesa a investire sulla passione e sull’intelligenza dei giovani di cui il nostro territorio ha bisogno”. Durante l’incontro, promosso dalla Consulta delle aggregazioni laicali e da Radio Karis, sono stati presentati progetti che hanno evitato l’emigrazione di diversi ragazzi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo