This content is available in English

Consiglio d’Europa: Santa Sede aderisce all’Accordo sugli Itinerari culturali

(Strasburgo) La Santa Sede è diventata il 32° membro dell’ Accordo parziale allargato sugli Itinerari culturali. Lo rende noto il servizio stampa del Consiglio d’Europa riferendo che “mercoledì 21 marzo l’arcivescovo Paul R. Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, ha informato Thorbjørn Jagland, segretario generale del Consiglio d’Europa dell’accesso parziale all’Assemblea sugli Itinerari culturali della Santa Sede”. Nella nota si ringrazia mons. Paolo Rudelli, osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d’Europa, “per il suo sostegno durante il processo di adesione”, e si esprime “attesa di accogliere la Santa Sede negli incontri e attività statutarie”. Queste sono gestite dall’Istituto per gli itinerari culturali che ha sede in Lussemburgo. Scopo di questa attività del Consiglio d’Europa è certificare alcuni itinerari di particolare importanza per la costruzione dell’identità culturale europea. Nella lista degli itinerari certificati ora figurano oltre trenta percorsi, alcuni dei quali legati alla storia religiosa dell’Europa (Cammino di Santiago, Via Francigena, Itinerario delle abbazie benedettine e altri). Per ulteriori informazioni sugli itinerari culturali: https://www.coe.int/en/web/cultural-routes/all-cultural-routes

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa