Bomba in auto nel Vibonese: mons. Renzo (Mileto), “si faccia chiarezza su moventi e responsabili”. “Necessaria collaborazione tra tutti perché insieme si ha più forza”

“Esprimo la mia amarezza per quello che è accaduto nella speranza che si faccia chiarezza sui moventi e sui responsabili”. Sono le prime parole di mons. Luigi Renzo, vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, rilasciate al Sir, dopo l’autobomba che ieri ha dato alle fiamme un’automobile a Limbadi (VV). Nell’attentato ha perso la vita un uomo e un altro è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale. “Quando c’è di mezzo la malavita ci si può aspettare di tutto”, ha detto il presule, che si sta recando presso una scuola locale per incontrare gli studenti sul valore della cultura che sfida la malavita. “Questi atti ci provocano a essere più presenti nell’evangelizzazione e nell’impegno sociale”. In realtà, prosegue, “si fa quello che si può, ma forse ancora non è sufficiente. Sarà necessaria una collaborazione con le forze statali e le forze dell’ordine e che la comunità reagisca prendendo coscienza e denunciando. Se uno lo fa da solo rischia, ma insieme si ha più forza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa