Via Crucis al Colosseo: Monda (professore), “un lavoro corale”. Caterina e Agnese (studentesse), “un grandissimo onore e un mezzo per crescere”

“Ho ricevuto una telefonata direttamente dal card. Gianfranco Ravasi che mi conosce da tempo. Mi ha detto che il Papa essendo l’anno dei giovani aveva avuto l’idea di far scrivere ai ragazzi le meditazioni della Via Crucis. Questa è veramente un’altra idea eccezionale di questo Papa. Il lavoro lo hanno fatto i ragazzi, io ho solo fatto da coordinatore. È emerso un lavoro corale”. Così il professore Andrea Monda in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, ha raccontato come sono stati scelti i ragazzi che hanno scritto le meditazioni della Via Crucis. Papa Francesco quest’anno ha infatti deciso di affidare la preparazione dei testi per la Via Crucis del Venerdì Santo a un gruppo di giovani, coordinato da Monda, insegnante di religione, protagonista assieme ai suoi alunni del liceo classico “Pilo Albertelli” di Roma del programma “Buongiorno professore” su Tv2000.
“Sono 14 sguardi diversi – ha spiegato Monda – accomunati dai sentimenti e i desideri della fascia di età dai 20 ai 25 anni. Lo sguardo è simile ma ciascuno ha la propria particolarità che parte dall’ esperienza quotidiana. C’è chi si è riferito al tema dei migranti, guardando Cristo rifiutato e chi ha parlato della tecnologia e dei telefonini. Hanno portato dentro la Via Crucis il loro bagaglio d’esperienza. Alla fine è uscito un lavoro corale, una sinfonia di cui si può essere assolutamente soddisfatti”.
“La scelta degli allievi – ha proseguito Monda – è stata la più difficile perché ho veramente tantissimi alunni. Ho pensato alla sensibilità di questi ragazzi e a chi potesse rispondere più attivamente a questa proposta a prescindere dal cammino di fede. Di fronte a questa sfida non ho voluto indagare e addentrarmi nella fede e nel loro percorso personale dei ragazzi. Ho seguito il criterio della sensibilità e capacità dei giovani di essere sensibili di fronte ad un fatto drammatico e misterioso che ha spaccato in due la storia come la Passione di Cristo”.

Caterina e Agnese, due giovani che hanno scritto le meditazioni della 3° e 4° stazione, sono state onorate di poter partecipare al progetto: “Era sicuramente una sfida tosta perché una meditazione per la Via Crucis non è facile e banale. Avevamo un po’ di titubanza e ci siamo chieste se eravamo in grado. Poi alla fine siamo state contente di accettare”.
“In un mondo in cui – hanno sottolineato Caterina e Agnese – non capita spesso d’incontrare giovani credenti, dare voce ai nostri pensieri e poter finalmente esprimere ciò che sentiamo con libertà è stato indimenticabile. Ci ha fatto veramente crescere. Siamo andati in profondità, abbiamo analizzato un aspetto della vita forte come la morte. Tutti i giorni entra nella nostra vita, è sempre un mistero che bisogna imparare ad affrontare. La morte non è la fine di tutto o una disperazione. E poter testimoniare, scrivendo la meditazione, che la morte è Resurrezione è sicuramente un grandissimo onore e un mezzo per crescere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa