Lavoro: Fca, Istituzioni e sindacati preoccupati per progetti e occupazione. Chiamparino vuole scrivere a Marchionne

Una lettera aperta di Regione Piemonte e Comune di Torino da inviare all’ad di Fiat Chrysler automobiles (Fca), Sergio Marchionne, con una sola domanda: cosa intendere fare l’azienda per Torino e il suo territorio? È l’idea che oggi il Governatore della Regione, Sergio Chiamparino, ha lanciato nel corso di un incontro con le organizzazioni sindacali e con il Comune sulla situazione degli stabilimenti Fca nella regione e sui progetti futuri della stessa.
Dalla riunione è emersa la grande preoccupazione delle parti sociali e delle Istituzioni locali, sia per quanto riguarda i dipendenti Fca sia per quelli dell’indotto. Chiamparino ha spiegato che l’obiettivo “è che Torino, oltre a mantenere le produzioni manifatturiere, rafforzi la propria vocazione di headquarter ingegneristico di Fca”.
Il Governatore ha quindi sottolineato che l’automotive in Piemonte non è solo quello legato ad Fca “ma riteniamo che la sperimentazione e la ricerca del gruppo nel campo dell’ibrido e dell’elettrico possano dare forza a tutto il comparto, implementando progetti che possano diventare attrattivi anche per altri produttori globali”. La Regione ha anche ricordato le risorse già impiegate per “investimenti sul territorio torinese nel campo delle nuove tecnologie di propulsione”.
Nel contenuto della missiva, comunque, verranno evidenziate le preoccupazioni dovute ai rallentamenti della produzione e quelle “più ampie – ha detto ancora Chiamparino –, che derivano dalle incertezze sulle strategie generali del gruppo, che sempre di più si muove su una scala globale, e che potranno avere ricadute negative sull’economia e sulla società torinese e piemontese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa