Irlanda: plenaria dei vescovi su difesa della vita e referendum aborto, abusi, Incontro mondiale delle famiglie

“La Chiesa non può mai considerarsi soddisfatta riguardo la salvaguardia dei bambini, nonostante il miglioramento degli standard, della vigilanza e della maggiore consapevolezza”: lo hanno detto i vescovi irlandesi che sono tornati, nell’assemblea plenaria conclusasi ieri a Maynooth, a parlare del tema degli abusi in un incontro con i responsabili dell’Ufficio nazionale per la protezione dei minori nella Chiesa cattolica in Irlanda; hanno “rinnovato il loro impegno per il processo di revisione delle diocesi intrapreso dall’Ufficio e la loro piena collaborazione con qualsiasi inchiesta necessaria”, si legge nel comunicato finale. Il tema centrale della Plenaria è stata la questione della protezione della vita – in relazione al referendum sull’aborto – con la pubblicazione del documento “la nostra comune umanità” e la programmazione di due fine settimane dedicati a iniziative di preghiera sul tema (10-11 marzo e 8-9 aprile). Riguardo la Giornata mondiale delle famiglie (21-26 agosto 2018), a cui finora si sono iscritti 5.500 partecipanti da 64 Paesi, don Timothy Bartlett, segretario generale dell’incontro ha dato tutti gli aggiornamenti sulla preparazione e il programma (www.worldmeeting2018.ie). Nel comunicato si dice inoltre che “in seguito alla decisione della Corte suprema sull’incostituzionalità del divieto di impiego dei richiedenti asilo”, i vescovi ora attendono nuove misure dal governo “per consentire a coloro che vivono nei centri di accoglienza diretta, di lavorare indipendentemente dalle loro qualifiche”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa