Colombia: mons. Álvarez (segretario Cec), “momento cruciale per il Paese”

Quello delle elezioni di domenica prossima “è un momento cruciale”. Lo afferma, intervistato da Vatican News, il segretario generale della Conferenza episcopale colombiana (Cec), mons. Elkin Fernando Álvarez Botero, vescovo ausiliare di Medellín, a proposito delle elezioni legislative di domenica prossima, quando verranno rinnovati i 108 senatori e i 172 deputati che compongono il Parlamento colombiano.
Si tratta delle prime elezioni dopo l’accordo di pace con le Farc, che si presentano come partito politico. “Pensiamo che sia l’ora di manifestare quel futuro che vogliamo, a partire dal voto di ogni persona”, dice mons. Álvarez, citando il messaggio dei vescovi sulle prossime consultazioni: “la Chiesa invita tutti a partecipare realmente a questo processo elettorale, con un voto che – sottolinea il segretario generale della Cec – dev’essere libero e deve anche riflettere una conoscenza dei candidati e delle necessità della Colombia”. I vescovi hanno recentemente diffuso un messaggio dal titolo “Se vogliamo la pace, difendiamo la vita”, esprimendo la ferma condanna per l’intenzione, espressa dal ministero della Salute, di voler regolamentare il procedimento per rendere effettiva la pratica dell’eutanasia per bambini e adolescenti. “Abbiamo riaffermato che la vita è il fondamento di ogni bene, mentre l’eutanasia è un omicidio: lo è l’eutanasia sugli adulti e lo è quella sui bambini, di fatto ancora più grave”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa