Diocesi: Imola, dopo 8 anni torna oggi in duomo il Gesù Bambino rubato

Ritornerà nel duomo di Imola oggi, dopo otto anni, la statuina del Gesù Bambino. L’opera in cartapesta della bottega di Gaetano Dal Monte, databile entro il 1940, era stata rubata dall’altare, dove era stato collocato per le festività natalizie, il 5 gennaio 2010 nella cattedrale di San Cassiano, tra le 9.30 e le 10, al termine della santa messa. Assieme all’opera fu rubato anche il tempietto del ’700 che la custodiva. Quest’ultimo due anni fa venne ritrovato dai carabinieri ad Ancona e riconsegnato alla Diocesi di Imola. Ora anche la statua del Gesù Bambino farà il suo ritorno in cattedrale. Lo ricorda “Il Nuovo Diario Messaggero”, settimanale della diocesi di Imola. A recuperarlo sono stati i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Napoli, in collaborazione con i colleghi di Imola, che hanno condotto indagini coordinate dalla Procura di Isernia, su furti commessi in luoghi di culto e istituti religiosi tra l’alto Casertano e la provincia molisana. Ciò ha permesso di smantellare un’organizzazione criminale, con base a Ciampino, fulcro di un crocevia internazionale di ricettazione di opere d’arte rubate provenienti dai mercatini d’antiquariato della provincia di Roma e da quello capitolino di Porta Portese. Il ritorno a casa del Gesù Bambino avverrà, oggi, sabato 24 marzo, alle 17.15, nella cattedrale di San Cassiano. Qui durante una cerimonia con il vescovo Tommaso Ghirelli e altre autorità civili e militari, il capitano Giampaolo Brasili, comandante del Nucleo tutela patrimonio culturale di Napoli, riconsegnerà alla diocesi la statuina in cartapesta.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa