Salute: Omar, “incidenza in aumento anche in Italia” per la malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

“La malattia non solo è rara, ma si presenta anche con una sequela di sintomi decisamente aspecifici, che includono febbre, calo di peso, tosse, stanchezza, disturbi gastrointestinali, sudorazione notturna e presenza di sangue nell’espettorato. L’incidenza di questa condizione è in aumento, e con essa anche i dati di mortalità”. Lo segnala l’Osservatorio malattie rare (Omar) a proposito della Malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, patologia causata da una rara e grave infezione batterica. “L’unica procedura terapeutica, a oggi disponibile, prevede l’assunzione di diversi antibiotici, fino a 4 insieme, per un periodo che può durare anche 24 mesi. Un percorso al termine del quale non sempre si giunge all’eradicazione dell’infezione, poiché molti micobatteri non tubercolari rivelano un’elevata resistenza alla maggior parte dei trattamenti”. Alla luce di ciò l’Osservatorio malattie rare ha deciso di dare una riposta a domande su questa patologia attraverso “L’esperto risponde”, il proprio servizio di consulto medico online gratuito sul proprio sito. Da oggi, infatti, il servizio si arricchisce di due nuovi specialisti, che saranno a disposizione di chiunque abbia bisogno di un consiglio o un parere sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari. Si tratta di Marco Confalonieri, direttore della struttura complessa di Pneumologia dell’ospedale universitario di Trieste e membro della Rete di riferimento europea (ERN) per le malattie rare polmonari ERN-LUNG, che risponderà ai quesiti dei pazienti del Centro-Nord, e di Roberto Parrella, specialista in Tisiologia e malattie dell’apparato respiratorio, responsabile dell’Uos Pneumologia presso il Polo Ospedaliero “Domenico Cotugno” di Napoli, a disposizione dei pazienti del Centro-Sud.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia