Papa Francesco: Fazzini e Femminis, con lui novità irreversibili

Papa Francesco “non è incasellabile in categorie”. Lo ha affermato Stefano Femminis, responsabile della comunicazione della rivista Aggiornamenti Sociali, che insieme a Gerolamo Fazzini, giornalista e scrittore, firma il libro “Francesco, il Papa delle prime volte”, presentato ieri sera a Roma nella Sala Marconi (Radio Vaticana). “Ci sono alcuni elementi irreversibili nel Pontificato, come ad esempio una certa desacralizzazione della figura del Papa che passa attraverso i gesti e il basso profilo di Bergoglio”, ha sottolineato Femminis ricordando “la prima volta storica di un Papa che, appena eletto, si affaccia e chiede di pregare per lui, inchinandosi”. Si tratta, ha osservato, “di qualcosa che resterà come cesura e segno di novità”. Allo stesso modo, “la riscoperta del discernimento come guida della vita di fede difficilmente verrà rimesso sotto al tappeto”. Secondo Fazzini, tra le “vere novità” bisogna segnalare l’internazionalizzazione del collegio cardinalizio, nel quale oggi “sono rappresentati Paesi che non lo erano mai stati prima”. Inoltre, ha aggiunto, non va dimenticato “il suo magistero sulle città”. “È veramente un segno dei tempi – ha rilevato – avere un Papa che viene da una megalopoli come Buenos Aires, labirintica, dove le contraddizioni esplodono in tutta la loro forza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia