Giornata contro il razzismo: Lehners (Ecri – Consiglio d’Europa), “tutelare le persone senza interferenze dei governi”

(Strasburgo) “Al fine di migliorare la protezione e il sostegno delle persone oggetto di discriminazione, gli Stati dovrebbero istituire potenti organismi per la promozione dell’uguaglianza, stabiliti da un testo costituzionale o da una legge come entità giuridiche distinte con un mandato ampio, indipendenza politica, finanziaria e operativa, nonché risorse sufficienti”. Lo afferma la commissione del Consiglio d’Europa contro il razzismo e l’intolleranza (Ecri), in una nuova serie di raccomandazioni ai governi europei resa nota oggi, Giornata internazionale contro la discriminazione razziale. Secondo Ecri, “tutti gli Stati membri del Consiglio d’Europa, eccetto San Marino, dispongono – si legge nel sito del CdE – di almeno un’istituzione che può essere considerata come organismo per la promozione dell’uguaglianza, ma alcuni di questi organismi non sono indipendenti. Su 35 Paesi europei monitorati durante l’ultimo ciclo di valutazione, 11 (Austria, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Estonia, Grecia, Italia, Slovacchia, Svizzera, Ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Turchia e Spagna) hanno ricevuto raccomandazioni per rafforzare l’indipendenza dei loro organismi per l’uguaglianza”.
Jean-Paul Lehners, nuovo presidente di Ecri, afferma: “Poter lavorare senza interferenze da parte del governo o dei partiti politici e sostenere le vittime di discriminazione in ogni fase (dalla ricezione delle denunce alla presentazione dei casi in tribunale e la relativa rappresentazione delle vittime) sono prerequisiti per un efficiente organismo per l’uguaglianza”. “Auspico che tutti gli Stati del Consiglio d’Europa attuino queste raccomandazioni durante l’elaborazione della propria legislazione e delle proprie pratiche”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia