Acqua: Unicef, “accesso è ancora un lusso per miliardi di persone”. “Ogni giorno oltre 700 bambini muoiono per malattie legate ad acqua non pulita”

“Ogni giorno oltre 700 bambini muoiono per malattie legate ad acqua non pulita e scarse condizioni igienico-sanitarie; ancora oggi nel mondo circa 2,1 miliardi di persone non hanno accesso ad acqua pulita e almeno 263 milioni di persone impiegano più di 30 minuti per raccogliere acqua”. È quanto denuncia oggi l’Unicef, alla vigilia della Giornata mondiale dell’acqua, ricordando che “i bambini sono i più colpiti dalla mancanza di accesso all’acqua sicura, perché esposti a maggiori rischi per la loro salute e istruzione”. “Quando un bambino ha accesso ad acqua sicura è meno esposto a rischi e pericoli vitali per la sua crescita. L’accesso all’acqua ancora oggi rimane un ‘lusso’ per miliardi di persone in tutto il mondo”, dichiara Giacomo Guerrera, presidente di Unicef Italia. “In diversi Paesi – spiega – bambini anche molto piccoli percorrono ogni giorno chilometri di strada per raccogliere acqua pulita per se stessi e le loro famiglie, trasportando taniche generalmente del peso di 20 chili. Durante il tragitto i bambini possono essere attaccati, correndo diversi rischi”. “Il tempo impiegato – aggiunge Guerrera – è tempo sottratto alla possibilità di studiare e giocare. Dobbiamo garantire a tutti loro un accesso adeguato ad acqua sicura e ai servizi igienico-sanitari e la possibilità di vivere e crescere in salute”.
L’Unicef, impegnata a garantire acqua sicura e servizi igienico-sanitari in tutto il mondo, anche nelle aree più difficili da raggiungere, nello scorso anno ha raggiunto con acqua pulita circa 30 milioni di persone colpite da emergenze umanitarie.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia