Genova: card. Bagnasco, “la sua vocazione è quella di essere il porto dell’Europa del Nord”

La “vocazione di Genova” è di essere “il porto dell’Europa del Nord”. La “via della seta è una opportunità per Genova” e, in quest’ottica, “il terzo valico è un’opera fondamentale”. Così il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, a margine della Messa che ha celebrato questa sera nella cattedrale di San Lorenzo per il mondo del lavoro. “Penso che, per fortuna, nessuno possa più fermare il terzo valico”, un’opera “fondamentale”, “anche se qualche perplessità, o meglio qualche opposizione ideologica, qua e là, ogni tanto risorge”, ha detto il porporato. L’arcivescovo ha poi affermato che “da quello che mi pare di sentire e di vedere a livello nazionale, finalmente, si sta riconoscendo che la vocazione di Genova, per la sua posizione nel Mediterraneo, è una posizione strategica”. Quella di Genova, infatti, “è una vocazione naturale, intrinseca, non ideologica, non preferenziale, non è un privilegio e non si può più assolutamente mettere in discussione”. L’arcivescovo ha quindi affermato che “il porto dell’Europa del Nord sul versante occidentale è Genova e anche la via della seta, che senz’altro passerà da Genova, è una opportuntià che non deve essere sottovalutata ma osservata bene, accompagnata e guidata”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori