Bioetica: Napoli, domani rappresentanti di diverse confessioni religiose rifletteranno sul “testamento biologico e tematiche di fine vita”

Docenti ed esperti, laici e rappresentanti di diverse confessioni religiose si confronteranno domani, a Napoli, sul “testamento biologico e tematiche di fine vita: aspetti etici, psicologici e spirituali”, dalle 9 alle 14, nella Sala dei Baroni al Maschio Angioino. Il Segretariato attività ecumeniche (Sae) ha invitato a parlarne ebrei, cattolici, ortodossi, protestanti e musulmani, che esamineranno la realtà del fine vita “da prospettive diverse, ma avendo tutti a cuore il valore dell’uomo e delle sue scelte”. “Questa iniziativa, ideata già prima che la legge sul testamento biologico fosse approvata in Senato ed entrasse in vigore, quando più forte era il dibattito sul ‘consenso informato’ e sulle ‘disposizioni anticipate di trattamento’ – sostengono gli organizzatori –, intende proporre un confronto meditato tra idee e atteggiamenti, talora molto distanti e apparentemente inconciliabili, su temi di grande rilievo quali: il diritto alla vita, alla dignità e all’autodeterminazione della persona”. Al convegno è stato concesso il patrocinio dall’amministrazione comunale, dall’arcidiocesi di Napoli e dalla Federazione delle Chiese evangeliche d’Italia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo