Papa Francesco: Angelus, “Dio si immischia nella nostra vita”. No a droga, superstizioni e magia, “Dio è più grande delle nostre debolezze”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Dio non se ne sta in disparte, ma entra nella storia dell’umanità, si immischia nella nostra vita, entra, per animarla con la sua grazia e salvarla”. Lo ha detto il Papa, durante l’Angelus di ieri, a cui secondo la Gendarmeria Vaticana hanno partecipato 30mila persone. “Anche quando la situazione sembra disperata, Dio interviene, offrendo all’uomo la salvezza e la gioia”, ha assicurato Francesco commentando l’incontro di Gesù con Nicodemo: “Siamo chiamati a prestare ascolto a questo annuncio, respingendo la tentazione di considerarci sicuri di noi stessi, di voler fare a meno di Dio, rivendicando un’assoluta libertà da Lui e dalla sua Parola”. “Quando ritroviamo il coraggio di riconoscerci per quello che siamo – ci vuole coraggio per questo! -, ci accorgiamo di essere persone chiamate a fare i conti con la nostra fragilità e i nostri limiti”, l’analisi del Papa: “Allora può capitare di essere presi dall’angoscia, dall’inquietudine per il domani, dalla paura della malattia e della morte”. “Questo spiega perché tante persone, cercando una via d’uscita, imboccano a volte pericolose scorciatoie come ad esempio il tunnel della droga o quello delle superstizioni o di rovinosi rituali di magia”, ha osservato Francesco, secondo il quale “è bene conoscere i propri limiti, le proprie fragilità, dobbiamo conoscerle, ma non per disperarci, ma per offrirle al Signore; e lui ci aiuta nella via della guarigione, ci prende per mano, e mai ci lascia da soli, mai!”. “E noi abbiamo la vera e grande speranza in Dio Padre ricco di misericordia, che ci ha donato il suo Figlio per salvarci, e questa è la nostra gioia”, ha proseguito il Papa: “Abbiamo anche tante tristezze, ma, quando siamo veri cristiani, c’è quella speranza che è una piccola gioia che cresce e ti dà sicurezza. Noi non dobbiamo scoraggiarci quando vediamo i nostri limiti, i nostri peccati, le nostre debolezze: Dio è lì vicino, Gesù è in croce per guarirci. Questo è l’amore di Dio. Guardare il Crocifisso e dirci dentro: ‘Dio mi ama’. È vero, ci sono questi limiti, queste debolezze, questi peccati, ma lui è più grande dei limiti e delle debolezze e dei peccati. Non dimenticatevi di questo: Dio è più grande delle nostre debolezze, delle nostre infedeltà, dei nostri peccati. E prendiamo il Signore per mano, guardiamo il Crocifisso e andiamo avanti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo