La Civiltà Cattolica: p. Occhetta, urgente “istituzione Stati generali dell’invecchiamento per elaborare una riforma organica”

È urgente proporre “l’istituzione degli Stati generali dell’invecchiamento, per riunire i principali attori sul tema ed elaborare una riforma organica” in materia. Ne è convinto padre Francesco Occhetta che, nel numero de “La Civiltà Cattolica” in uscita sabato, scatta una fotografia dell’Italia, Paese più “vecchio” d’Europa e più anziano del mondo, insieme al Giappone, osservando tuttavia come il tema anziani rimanga “tra quelli più silenti e dimenticati dall’agenda politica”. In Italia, spiega, in questi ultimi 10 anni la popolazione con più di 80 anni è aumentata di 1,1 milioni e nel Paese si contano 2,5 milioni di anziani non autosufficienti – 278mila dei quali ospitati in residenze pubbliche o private – mentre circa 561mila famiglie, registra il Censis, per far fronte alle cure dei propri cari hanno dovuto dare fondo ai propri risparmi, vendere la propria abitazione o contrarre debiti. Un “allarme drammatico” che secondo Occhetta “richiede di passare dalla gestione dell’emergenza a progetti sostenibili di lungo periodo”. Anche perché “fino a una decina di anni fa, il sistema sanitario era all’avanguardia. Poi, dopo la crisi finanziaria, sono stati fatti ingenti tagli di spesa che hanno considerato gli anziani non autosufficienti un costo eccessivo”. Di qui l’interrogativo: “Ci sono soluzioni alternative all’assistenza domiciliare e alla residenzialità, per garantire l’effettività del diritto alla salute?”. La via da percorrere “ha una direzione unica: creare rete nel territorio tra pubblico, privato sociale, privato convenzionato, imprese sociali del terzo settore, volontariato competente”. “La dimensione politica del tema”, avverte il gesuita, “riguarda l’intera società, non solo la classe politica, inclusa la Chiesa”. Per Occhetta occorre tra l’altro riformare il Ssn ripensandolo per una popolazione anziana e investire nell’housing sociale. Ma non solo. Per questo, conclude, “è urgente appoggiare chi sta proponendo la costituzione degli Stati generali dell’invecchiamento, capaci sia di riunire i principali attori sul tema sia di favorire una riforma organica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia